Uso industriale

Uso industriale
Utilizzo industriale - Lavaggio inerti (Foto: Agenzia provinciale per l'ambiente, Uff. Gestione risorse idriche 2003)

Per le utenze a scopo industriale viene utilizzata frequentemente acqua di falda. In Alto Adige sono state rilasciate ca. 450 concessioni d’acqua per questi scopi.
Vedi le linee guida per la costruzione di pozzi.
Le utenze industriali si distinguono principalmente in due categorie: industriale nel senso tradizionale (I) e uso industriale per scopi agricoli (IG). Le due categorie sono a loro volta suddivise. Ad esempio:
(I) Produzione di calcestruzzi, riscaldamento/raffreddamento di edifici, produzione di alimenti e bibite, acqua di processo (es. fonderia), lavaggio, lavaggio materiali inerti, uso cantiere, risanamento di opere in calcestruzzo.
(IG) mezzo di trasporto negli stabilimenti delle cooperative agricole, acqua di abbeveraggio per i grandi allevamenti, umidificazione di legname nell’industria del legno.

L’utilizzo d’acqua per usi industriali si distinguono due sistemi diversi: l’utilizzo dell’acqua mediante ciclo aperto  e l’utilizzo a ciclo chiuso. Mentre nel ciclo aperto l’acqua utilizzata viene restituita, nel ciclo chiuso l’acqua viene reimpiegata più volte all’interno dell’impianto (es. ciclo di raffreddamento).
Poiché con l’utilizzo a ciclo chiuso si adopera molta meno acqua, la legge prevede in questi casi e a determinate condizioni la riduzione del 50% del canone annuo.
L’acqua restituita  dopo il suo utilizzo non deve evidenziare caratteristiche dannose per l’ambiente e rispettare i limiti tabellari indicati dalla legge (vedi L.P. 8/2002).

Deliberazione della Giunta Provinciale n.2320 del 30/06/2008 - Linee guida tecniche per la costruzione, l'esercizio e la manutenzione di pozzi verticali ed orizzontali e la posa in opera di perforazioni

Modulistica

 

Riferimenti normativi: consulta la pagina sulla legislazione

Contatto: Ufficio Gestione risorse idriche