Dati sulla qualità dell'aria da rete fissa: rapporti annuali

Dati sulla qualità dell'aria da rete fissa: rapporti annuali
Stazione di misura fissa della qualità dell'aria AB1 Bressanone (Foto: Agenzia provinciale per l'ambiente)

Il rapporto annuale è la base per la valutazione della qualità dell’aria in Alto Adige e contiene le informazioni sui valori misurati presso le stazioni di misura fisse della rete di monitoraggio della qualità dell’aria.

Nel documento vengono confrontati i valori misurati con i valori limite, le soglie di informazione e allarme, i valori obiettivo ed i livelli critici fissati dal Decreto del Presidente della Provincia n. 37/2011. Il decreto disciplina la valutazione e la gestione della qualità dell’aria in Alto Adige dando attuazione alla normativa europea e statale (D.Lgs. n. 155/2010).

Nel rapporto annuale i parametri misurati presso le stazioni di misura vengono confrontati con i seguenti valori riportati nel DPP n.37/2011:

Questi parametri sono espressi utilizzando indicatori statistici come le medie annue, le medie giornaliere o orarie, o in termini di numero di superamenti massimo consentiti.

Valore limite
Livello fissato in base alle conoscenze scientifiche, incluse quelle relative alle migliori tecnologie disponibili, al fine di evitare, prevenire o ridurre gli effetti nocivi per la salute umana o per l’ambiente nel suo complesso, che deve essere raggiunto entro un termine prestabilito e che non deve essere successivamente superato.

Soglia d’informazione
Livello oltre il quale sussiste un rischio per la salute umana in caso di esposizione di breve durata per alcuni gruppi particolarmente sensibili della popolazione nel suo complesso ed il cui raggiungimento impone di assicurare informazioni adeguate e tempestive.

Soglia d’allarme
Livello oltre il quale sussiste un rischio per la salute umana in caso di esposizione di breve durata per la popolazione nel suo complesso ed il cui raggiungimento impone di adottare provvedimenti immediati.

Valore obiettivo
Livello fissato al fine di evitare, prevenire o ridurre effetti nocivi per la salute umana o per l’ambiente nel suo complesso, da conseguire, ove possibile, entro una data prestabilita.

Livello critico
Livello fissato in base alle conoscenze scientifiche, oltre il quale possono sussistere effetti negativi diretti su recettori quali gli alberi, le altre piante o gli ecosistemi naturali, esclusi gli esseri umani.


Per ulteriori informazioni consultare il Decreto Legislativo n. 155 del 13.08.2010 e ss.mm.


Contatto: Laboratorio di chimica fisica