La mappa del radon

La mappa del radon
Mappa del radon (Fonte: Agenzia provinciale per l'ambiente)

La mappa del radon mostra i comuni con la maggiore frequenza di concentrazioni elevate di gas radon nelle case: si tratta soprattutto di alcuni comuni dell’Alta Val Venosta, nella zona di Fortezza e Luson e dell’Alta Val Pusteria.

Mappa radon 2003


La mappatura del radon in Alto Adige è stata realizzata dall' APPA mediante misure in edifici abitativi con dosimetri passivi che sono stati esposti durante la stagione invernale (6 mesi da settembre a marzo) ed al piano terra delle case, esaminando almeno 20 case per comune. Allo scopo di poter valutare la media annuale alcune misure sono state eseguite anche durante il periodo estivo, determinando un rapporto medio tra inverno ed estate di 2:1.
Relativamente alla media annuale si può affermare che in totale circa nell’ 11% delle case esaminate in Alto Adige al piano terra si supera la soglia d'intervento di 400 Bq/m³ raccomandata dall‘UE; in ca. il 2 - 3% delle case i valori misurati risultano addirittura superiori a 1000 Bq/m³.

Come dato di riferimento per la classificazione dei comuni è stato scelto il 75°-percentile delle concentrazioni di radon misurate in ogni comune. p. es. se il 75°-percentile è pari a 400 Bq/m³, vuole dire che il 75% delle case presenta concentrazioni di radon indoor minori di 400 Bq/m³.


La mappa del radon è un importante strumento di pianificazione per il settore edilizio, in quanto indica, se siano da richiedere delle misure radon nel caso di risanamento di una casa esistente o, nel caso di costruzione di una casa nuova, se siano da pianificare preventivamente delle contromisure per il radon.

Nella tabella seguente sono riportati i dati per l'elaborazione della Mappa radon dell'anno 2003.

Scarica quali il file Radon valori_Radonwerte_2003.

Come dato di riferimento per la classificazione dei comuni è stato scelto il 75°-percentile delle concentrazioni di radon misurate in ogni comune è confrontato con le soglie d’intervento di 200 e 400 Bq/m³ (media annuale) raccomandate dall’UE. La classificazione dei comuni in „basso rischio radon“, „leggero rischio radon“, „medio rischio radon“ e „più elevato rischio radon“ è provvisoria. Una classificazione definitiva sarà possibile quando a livello nazionale saranno stati emanati criteri unitari di valutazione.

 

Classificazione comuni rischio radon [in base al 75° perc.]

< 200 Bq/m³                               basso rischio radon
200 – 300 Bq/m³ leggero rischio radon
300 – 400 Bq/m³ medio rischio radon
> 400 Bq/m³ più elevato rischio radon

 

codice comune nr. dati med. a. 50° perc. med. g. max <400
Bq/m³
400-1000 Bq/m³ >1000 Bq/m³ 75° perc.
1 ALDINO Aldein 20 164 108 113 740 95% 5% 0% 234
2 ANDRIANO Andrian 23 147 123 122 308 100% 0% 0% 224
3 ANTERIVO Altrei 20 165 115 101 1208 95% 0% 5% 180
4 APPIANO Eppan 42 149 99 112 595 93% 7% 0% 183
5 AVELENGO Hafling 19 84 70 70 308 100% 0% 0% 92
6 BADIA Abtei 28 167 72 108 1258 96% 0% 4% 221
7 BARBIANO Barbian 17 181 112 120 665 88% 12% 0% 254
8 BOLZANO Bozen 81 123 78 93 702 95% 5% 0% 125
9 BRAIES Prags 19 235 134 138 870 79% 21% 0% 358
10 BRENNERO Brenner 26 239 96 123 1282 85% 8% 8% 218
11 BRESSANONE Brixen 41 258 136 143 1621 78% 17% 5% 228
12 BRONZOLO Branzoll 30 213 122 130 1563 87% 10% 3% 190
13 BRUNICO Bruneck 94 225 113 141 1348 84% 14% 2% 224
14 CAINES Kuens 15 154 117 118 553 87% 13% 0% 162
15 CALDARO Kaltern 31 167 102 105 906 90% 10% 0% 232
16 CAMPO TRENS Freienfeld 19 155 118 118 481 90% 11% 0% 202
17 C. TURES Sand in Taufers 74 136 80 90 837 95% 5% 0% 161
18 CASTELBELLO-CIARDES 26 339 161 219 1796 77% 15% 8% 392
19 CASTELROTTO Kastelruth 20 131 81 103 385 100% 0% 0% 192
20 CERMES Tscherms 19 198 177 164 540 90% 11% 0% 239
21 CHIENES Kiens 21 351 252 247 1177 71% 19% 10% 427
22 CHIUSA Klausen 50 296 129 151 1949 76% 18% 6% 359
23 CORNEDO Karneid 20 138 97 109 731 95% 5% 0% 160
24 CORTACCIA Kurtatsch 19 127 75 89 529 95% 5% 0% 168
25 CORTINA Kurtinig 17 103 82 92 223 100% 0% 0% 114
26 CORVARA IN BADIA 20 134 72 77 844 95% 5% 0% 142
27 CURON VENOSTA Graun 20 312 167 181 1139 80% 10% 10% 387
28 DOBBIACO Toblach 20 142 103 116 378 100% 0% 0% 200
29 EGNA Neumarkt 24 195 103 122 1196 88% 8% 4% 194
30 FALZES Pfalzen 54 587 346 361 2362 57% 20% 22% 821
31 FIE' ALLO SCILIAR Völs 22 103 88 82 308 100% 0% 0% 130
32 FORTEZZA Franzensfeste 19 436 191 245 1409 63% 26% 11% 809
33 FUNES Villnöss 20 176 104 106 1226 95% 0% 5% 194
34 GAIS 34 431 259 302 1382 68% 21% 12% 665
35 GARGAZONE Gargazon 24 154 106 132 377 100% 0% 0% 202
36 GLORENZA Glurns 33 242 203 172 1413 85% 12% 3% 280
37 LACES Latsch 21 267 162 189 1139 81% 14% 5% 261
38 LAGUNDO Algund 25 151 115 125 583 96% 4% 0% 145
39 LAION Lajen 20 98 47 61 601 95% 5% 0% 107
40 LAIVES Leifers 29 216 96 118 1994 93% 3% 3% 218
41 LANA 57 161 115 116 794 95% 5% 0% 203
42 LASA Laas 102 560 426 478 1925 41% 45% 14% 658
43 LAUREGNO Laurein 14 80 47 51 530 93% 7% 0% 56
44 LUSON Lüsen 20 316 144 166 1139 70% 20% 10% 502
45 MAGRE' Margreid 20 157 92 122 660 95% 5% 0% 175
46 MALLES Mals 40 276 196 221 801 80% 20% 0% 356
47 MAREBBE Enneberg 20 239 171 181 808 85% 15% 0% 294
48 MARLENGO Marling 23 228 130 166 1131 87% 9% 4% 228
49 MARTELLO Martell 23 523 246 314 1864 70% 13% 17% 625
50 MELTINA Mölten 25 79 60 65 225 100% 0% 0% 95
51 MERANO Meran 31 137 108 117 423 97% 3% 0% 146
52 MONGUELFO Welsberg 33 207 112 129 907 88% 12% 0% 224
53 MONTAGNA Montan 20 102 65 74 466 95% 5% 0% 123
54 MOSO I. P. Moos i.P. 39 57 41 46 217 100% 0% 0% 73
55 NALLES Nals 22 160 121 134 644 96% 5% 0% 168
56 NATURNO Naturns 47 160 99 120 1275 94% 4% 2% 160
57 NAZ-SCIAVES Natz Schabs 20 103 95 86 230 100% 0% 0% 147
58 N. LEVANTE Welschnofen 21 226 98 125 1022 81% 14% 5% 278
59 N. PONENTE Deutschnofen 20 64 43 48 203 100% 0% 0% 85
60 ORA Auer 19 142 91 113 411 95% 5% 0% 172
61 ORTISEI St. Ulrich 21 140 71 74 817 91% 10% 0% 107
62 PARCINES Partschins 20 161 99 122 493 90% 10% 0% 226
63 PERCA Percha 33 278 149 166 949 70% 30% 0% 427
64 PLAUS 20 131 116 119 254 100% 0% 0% 164
65 P. GARDENA Weidbruck 13 136 106 125 274 100% 0% 0% 164
66 POSTAL Burgstall 21 194 85 118 838 86% 14% 0% 292
67 PRATO STELVIO Prad 46 301 174 202 1851 78% 17% 4% 291
68 PREDOI Prettau 10 155 55 78 817 90% 10% 0% 83
69 PROVES Proveis 16 47 35 41 137 100% 0% 0% 55
70 RACINES Ratschings 50 211 93 111 1048 86% 12% 2% 273
71 RASUN ANTERS. Rasen Ant. 15 390 263 293 1031 60% 33% 7% 570
72 RENON Ritten 21 153 105 111 649 91% 10% 0% 155
73 RIFIANO Riffian 14 129 67 89 561 93% 7% 0% 149
74 RIO DI PUSTERIA Mühlbach 34 160 105 123 927 97% 3% 0% 181
75 RODENGO Rodeneck 18 219 111 134 1322 89% 6% 6% 207
76 SALORNO Salurn 20 213 109 129 806 85% 15% 0% 318
77 SAN CANDIDO Innichen 33 323 220 196 1592 76% 18% 6% 377
79 SAN GENESIO Jenesien 20 158 122 119 372 100% 0% 0% 251
80 S.LEONARDO St. Leonhard 25 151 111 113 478 92% 8% 0% 205
81 S. LORENZO St. Lorenzen 20 261 170 178 750 85% 15% 0% 376
82 S. MARTINO B. St. M. i.Thurn 21 242 128 113 1683 86% 10% 5% 212
83 S. MARTINO P. St. Martin 20 96 46 61 563 95% 5% 0% 84
84 S. PANCRAZIO St. Pankraz 18 196 112 119 728 83% 17% 0% 184
85 S. CRISTINA St. Christina 20 228 97 124 1973 90% 5% 5% 182
86 SARENTINO Sarntal 32 396 196 233 1709 75% 9% 16% 397
87 SCENA Schenna 20 112 69 78 446 95% 5% 0% 163
88 SELVA D. MOLINI Mühlwald 18 86 77 74 206 100% 0% 0% 116
89 SELVA GARD. Wolkenstein 26 172 96 92 1931 96% 0% 4% 128
91 SENALES Schnals 20 402 198 233 1835 80% 5% 15% 355
92 SESTO Sexten 17 159 119 120 519 88% 12% 0% 229
93 SILANDRO Schlanders 19 479 309 334 1488 58% 32% 11% 753
94 SLUDERNO Schluderns 19 247 164 194 582 79% 21% 0% 370
95 STELVIO Stilfs 57 329 216 235 1815 70% 28% 2% 431
96 TERENTO Terenten 18 300 177 202 1224 78% 17% 6% 359
97 TERLANO Terlan 32 148 95 106 688 91% 9% 0% 160
98 TERMENO Tramin 31 184 68 95 1549 87% 10% 3% 265
99 TESIMO Tisens 20 115 92 101 277 100% 0% 0% 127
100 TIRES Tiers 23 185 120 140 770 87% 13% 0% 179
101 TIROLO Tirol 24 124 94 110 477 96% 4% 0% 122
102 TRODENA Truden 19 145 108 123 344 100% 0% 0% 198
103 TUBRE Taufers i. MT 136 470 255 308 1898 65% 21% 14% 627
104 ULTIMO Ulten 44 182 92 105 1112 89% 7% 5% 199
105 VADENA Pfatten 18 103 86 94 353 100% 0% 0% 105
106 VALDAORA Olang 20 170 92 125 541 85% 15% 0% 225
107 VAL DI VIZZE Pfitsch 19 248 128 136 1095 79% 11% 11% 214
108 VALLE AURINA Ahrntal 64 122 63 75 1047 94% 5% 2% 127
109 VALLE DI CASIES Gsies 20 240 104 143 1090 85% 10% 5% 333
110 VANDOIES Vintl 42 278 148 172 1687 88% 5% 7% 262
111 VARNA Vahrn 22 125 96 101 530 96% 5% 0% 135
112 VERANO Vöran 20 84 69 77 164 100% 0% 0% 108
113 VILLABASSA Niederdorf 20 313 246 213 1061 70% 25% 5% 410
114 VILLANDRO Villanders 19 174 141 134 440 95% 5% 0% 284
115 VIPITENO Sterzing 29 155 101 95 800 90% 10% 0% 175
116 VELTURNO Feldthurns 20 170 122 137 540 95% 5% 0% 213
117 LA VALLE Wengen 19 139 83 95 639 90% 11% 0% 124
118 SENALE-S. F. U.l.F. im Walde 17 113 63 70 674 94% 6% 0% 102
- Alto Adige Südtirol 3265 227 119 135 2362 85,40% 11% 3,60% 251

Nota: i valori riportati si riferiscono solo alla stagione invernale e sono stati misurati al piano terra delle case con rivelatori a tracce.

Abbreviazioni utilizzate nella tabella:

  • Codice: il numero corrisponde al codice comunale, esso è indicato anche nella mappa del radon.
  • n.dati: numero di case nelle quali sono state eseguite le misure.
  • media a.: media aritmetica in Bq/m³
  • 50° perc.: mediana in Bq/m³
  • media g.: media geometrica in Bq/m³
  • max.: valore massimo in Bq/m³
  • < 400 Bq/m³: Ppercentuale dei valori minori di 400 Bq/m³
  • 400 - 1000 Bq/m³: percentuale dei valori tra 400 e 1000 Bq/m³
  • >1000 Bq/m³: percentuale dei valori superiori a 1000 Bq/m³
  • 75° Perz. / perc.: 75° percentile (utilizzato per la classificazione delle zone a rischio radon) in Bq/m³

 


Radon in acque sorgive e potabili

Radon in acque sorgive e potabili
Mappa radon in acque sorgive (Fonte: Agenzia provinciale per l'ambiente)

Concentrazioni di radon elevate nelle acque sorgive possono essere un utile indicatore di una maggiore presenza di radon in una certa zona. Mentre l'inalazione del radon può provocare cancro polmonare, da studi epidemiologici è risultato che il rischio associato all'ingestione d’acqua contenente radon è molto contenuto.  Le misure hanno dato una buona concordanza tra la concentrazione di radon nell'acqua sorgiva e la presenza di radon indoor, come si osserva confrontando le due cartine. Il prelievo è stato effettuato direttamente alla captazione della sorgente, poiché il gas radon è estremamente volatile. Le misure comparative effettuate nelle case hanno mostrato valori nettamente inferiori; un'eccezione è costituita da quelle sorgenti le cui captazioni sono sprovviste di un sistema di ventilazione.

Per quanto riguarda le acque destinate al consumo umano il D. lgs. n. 28 del 15 febbraio 2016 “Attuazione della direttiva 2013/51/EURATOM […]” stabilisce un valore di radon pari a 100 Bq/l sopra il quale è obbligatorio valutare se il rischio per la salute umana è tale da richiedere un intervento. In ogni caso sono da prevede interventi correttivi superata la concentrazione di attività di radon di 1000 Bq/l. Tali valori sono espressi come medie annuali e devono essere rispettati presso il punto di prelievo dell’acqua (rubinetto, cisterna, bottiglia).

Contatto: Laboratorio di chimica fisica