Procedura cumulativa

Procedura cumulativa
cantiere cava (Foto: Agenzia provinciale per l'ambiente)

La procedura di approvazione cumulativa viene applicata su progetti che richiedono più di due pareri da parte degli uffici provinciali ed ha per obiettivo la semplificazione delle procedure e la valutazione congiunta dei vari aspetti ambientali.

Il progetto è da sottoporre a procedura di approvazione cumulativa?

Seleziona il tipo di progetto che ti interessa

Scegli le opzioni che ti interessano

La procedura di approvazione cumulativa viene applicata su progetti che non sono soggetti a procedura di valutazione dell’impatto ambientale (VIA) o di procedura ambientale integrata (AIA) e che richiedono più di due pareri da parte degli seguenti uffici provinciali:

  • Ufficio aria e rumore
  • Ufficio gestione rifiuti
  • Ufficio tutela acque
  • Ufficio gestione risorse idriche
  • Ufficio elettrificazione
  • Ufficio caccia e pesca
  • Ufficio tutela del paesaggio
  • Ispettorato forestale
  • Ufficio demanio idrico (solo per progetti riguardanti derivazioni d'acqua)

Il parere cumulativo sostituisce quindi i singoli pareri previsti dalle varie leggi provinciali di settore e ha una validità di cinque anni. Su richiesta motivata tale validità può essere prorogata di ulteriori due anni.

I progetti completi di tutti i documenti richiesti dalle singole leggi di settore vengono inoltrati all'ufficio VIA tramite i Comuni. L'ufficio VIA accerta, in base agli allegati C e D della Legge Provinciale 5 aprile 2007, n. 2, se il progetto è soggetto alla procedura di approvazione cumulativa ed individua gli uffici provinciali competenti.

La conferenza di servizi in materia ambientale, presieduta dal presidente del comitato ambientale, rilascia il parere cumulativo.

L'ufficio VIA trasmette tale parere al committente ed al comune interessato.

Tutti i progetti riguardanti derivazioni d'acqua (nuove derivazioni, varianti, ampliamenti) devono essere presentati dal committente agli uffici competenti di gestione risorse idriche ovvero elettrificazione della Ripartizione Agenzia per l'Ambiente (non al comune!).

Tali uffici procedono allo svolgimento dell'istruttoria e successivamente trasmettono gli atti all'Ufficio VIA per essere valutati dalla conferenza di servizi in materia ambientale.

La concessione per la derivazione d'acqua rilasciata dall'ufficio gestione risorse idriche ovvero elettrificazione e trasmessa al committente, sostituisce tutti i pareri nelle materie che rientrano nella competenza della Conferenza di servizi, incluso il parere dell'Ufficio demanio idrico.

Progetti ad eccezione di derivazioni d'acqua

Sono da presentare i seguenti documenti all'ufficio VIA tramite il comune interessato:

  • Parere della commissione edilizia
  • Relazione tecnica dettagliata e planimetrie (in cinque copie)
  • Documentazione fotografica (in duplice copia)
  • Questionario per la procedura cumulativa (vedi Servizi - Procedura di approvazione cumulativa)
  • Qualora il progetto possa incidere significativamente su un sito Natura 2000, lo stesso dev'essere corredato dal relativo Allegato F ai sensi della Legge provinciale 12 maggio 2010, n. 6, per avviare la cosiddetta procedura di Valutazione di Incidenza.

Progetti riguardanti derivazioni d'acqua

La relativa documentazione richiesta va inoltrata direttamente agli uffici competenti (Ufficio gestione risorse idriche ovvero Uffico elettrificazione).

Diverse categorie di utilizzo delle risorse idriche (eccetto uso idroelettrico)
Derivazione d'acqua a scopo idroelettrico

Nella conferenza di servizi in materia ambientale, presieduta dal presidente del comitato ambientale, a cui partecipano i direttori o le direttrici degli uffici provinciali coinvolti, viene rilasciato un parere cumulativo sui progetti, che comprende i pareri dei seguenti uffici:

  • Ufficio aria e rumore
  • Ufficio gestione rifiuti
  • Ufficio tutela acque
  • Ufficio gestione risorse idriche
  • Ufficio elettrificazione
  • Ufficio caccia e pesca
  • Ufficio tutela del paesaggio
  • Ispettorato forestale
  • Ufficio demanio idrico (solo per progetti riguardanti derivazioni d'acqua)
  • Ufficio risparmio energetico (solo per impianti IPPC)

La conferenza di servizi in materia ambientale rilascia inoltre l'autorizzazione integrata ambientale per gli impianti IPPC.


Riferimenti normativi: consulta la pagina sulla legislazione

Contatto: Ufficio Valutazione dell'impatto ambientale