Valutazione di impatto ambientale (VIA)

Valutazione di impatto ambientale (VIA)
Impianto d'innevamento (Foto: Agenzia provinciale per l'ambiente)

La valutazione di impatto ambientale (VIA) è una procedura finalizzata ad individuare, descrivere e valutare gli impatti sull'ambientale e sul patrimonio culturale di un progetto.

L'allegato A della legge provinciale del 13 ottobre 2017, n. 17 stabilisce i casi in cui un nuovo progetto o un ampliamento di un progetto già approvato sono soggetti a VIA ed i casi in cui essi sono da sottoporre a verifica di assoggettabilità a VIA.

L'Ufficio VIA ha redatto una lista dei progetti soggetti a VIA o a verifica di assoggettabilità a VIA (screening).

Vedi: " Progetti sottoposti a valutazione di impatto ambientale (VIA) o a verifica di assoggettabilità (screening) "

 

 

Per i progetti soggetti a verifica di assoggettabilità a VIA e a procedura di approvazione cumulativa, la decisione sulla verifica di assoggettabilità è adottata dalla Conferenza di servizi in materia ambientale in seno alla procedura di approvazione cumulativa.

 

Provvedimento di VIA

Il provvedimento di VIA sostituisce a tutti gli effetti le autorizzazioni, i pareri e i nulla osta sul progetto, richiesti dalle vigenti disposizioni di legge nelle materia tutela delle acque, tutela dell'inquinamento atmosferico ed acustico, gestione dei rifiuti e tutela del suolo, tutela della natura e del paesaggio, tutela degli ambienti acquatici, gestiione delle risorse idriche, vincoli idrogeologici forestali. Tale autorizzazione ha una validità di cinque anni e può essere prorogata per un massimo di cinque anni.

Sono da trasmettere all'Ufficio VIA:

Procedura di verifica di assoggettabilità a VIA (screening)

 Fase preliminare della VIA (facoltativa, al fine di definire le informazioni da includere nello studio di impatto ambientale e nel progetto)

  • bozza del progetto
  • bozza dello studio di impatto ambientale

Procedura VIA

  • domanda di VIA
  • progetto
  • studio di impatto ambientale con informazioni di cui all' allegato IV della direttiva 2011/92/UE
  • sintesi non tecnica in lingua italiana e tedesca
  • elenco delle autorizzazioni, intese, concessioni, licenze, dei pareri e nulla osta ed assensi per la realizzazione e dell'esercizio dell'opera

     
Note importanti:

  • Tutti i file devono essere in formato PDF. La grandezza massima accettata per ogni singolo file è di 10 MB.
  • Il nome dei file non puó contenere punti ad eccezione del punto prima dell'estensione del file (xx.pdf).
  • Dal nome del file deve essere chiaro il contenuto e il formato (per esempio: „allegato1-carta sinottica-A3.pdf”). Umlaute e segni particolari non sono consentiti (ad eccezione di ”-“).
  • I documenti non possono essere suddivisi su più file diversi, per esempio non è consentito dividere la pagina del titolo dal rispettivo disegno o dividere le relazioni su più file.
  • Per ridurre il numero dei file gli allegati e per facilitarne la lettura devono essere uniti in un unico file quanto più possibile. I file devono essere contenuti in un’unica cartella, le sottocartelle non sono ammesse.
  • È necessaria la firma digitale di tutti tecnici responsabili e del comittente 

Verifica di assoggettabilità VIA:

L'Agenzia pubblica lo studio preliminare ambientale nel proprio sito web.
L'Agenzia pubblica il provvedimento di assoggettabilità a VIA,comprese le motivazioni, sul proprio sito web.

VIA

L'Agenzia pubblica entro 15 giorni dalla presentazione dell'istanza l’avviso del deposito del progetto, il progetto, lo studio di impatto ambientale
e la sintesi non tecnica nel proprio sito web.

Entro 60 giorni dalla pubblicazione chiunque abbia interesse può prendere visione del progetto e del relativo studio di impatto ambientale e presentare proprie osservazioni. Le osservazioni sono pubblicate sul sito web dell'Agenzia.

Il Comune nel cui territorio è prevista la realizzazione del progetto, oppure il/la rappresentante legale di un'associazione ambientalista, possono richiedere all'Agenzia, entro 20 giorni dalla pubblicazione, che la consultazione avvenga mediante lo svolgimento di una inchiesta pubblica.

Il provvedimento di valutazione dell'impatto ambientale è pubblicato, integralmente nel sito web dell'Agenzia.I termini per eventuali impugnazioni in sede giurisdizionale decorrono dalla data di pubblicazione.

L’Agenzia da informazioni sul proprio sito web sul monitoraggio.

Il Comitato ambientale è un organo tecnico consultivo della Giunta provinciale per la valutazione dei piani e programmi da sottoporre a valutazione ambientale strategica (VAS) e dei progetti da sottoporre a VIA. Il Comitato ambientale decide inoltre sui ricorsi avverso i pareri tecnici degli uffici tutela acque, aria e rumore e gestione rifiuti.

Il Comitato ambientale è composto da

  • il direttore/la direttrice dell'Agenzia provinciale per l'ambiente;
  • un esperto/un'esperta in materia diigiene e della sanità pubblica;
  • un esperto/un'esperta in materia di tutela del paesaggio e della natura;
  • un esperto/un'esperta in materia di tutela delle acque;
  • un esperto/un'esperta in materia di inquinamento atmosferico e acustico;
  • un esperto/un'esperta in materia di pianificazione territoriale;
  • due esperti esterni nel campo della tutela della natura e dell'ambiente proposte dalle associazioni ambientaliste.

Il Comitato ambientale è legalmente costituito con la presenza dei due terzi dei componenti.


Modulistica

 

Riferimenti normativi: consulta la pagina sulla legislazione

Contatto: Ufficio Valutazione dell'impatto ambientale