Oasi della quiete presso sorgenti particolari

Oasi della quiete presso sorgenti particolari
Oasi della quiete (Foto: Agenzia provinciale per l'ambiente, Uff. Gestione risorse idriche, 2014)

Le Oasi della quiete presso le sorgenti particolari dell'Alto Adige hanno permesso di valorizzare l'antica tradizione dei bagni rustici dell'Alto Adige, dando l'opportunitá di conoscere le caratteristiche di queste fonti.
L'Ufficio provinciale Gestione risorse idriche si é assunto il compito, non solo di descrivere la varietá delle acque dell'Alto Adige installando cartelli informativi, ma valorizzando le sorgenti alla loro origine, risanandole e captandole nuovamente. La maggior parte delle sorgenti non viene oggi utilizzata e si trova in prossimitá di sentieri. Presso l'oasi della quiete l'acqua della sorgente sgorga da una fontana offre la possibilitá al visitatore di assaggiarla e lo accoglie in luogo che invita ad apprezzare il luogo ed il paesaggio. L'acqua che percorre il bacino imbrifero fino alla sorgente scorre attraverso le rocce e si arricchisce di elementi contenuti in esse. Sulla roccia sagomata presente nell'oasi, realizzata in roccia tipica della zona, viene fatta scorrere l'acqua riproducendo questo percorso.
Le opere sono realizzate in collaborazione con la Ripartizione Opere idrauliche (oggi Agenzia per la Protezione civile).

Il progetto ancora in corso interessa le seguenti sorgenti:

  1. Bagno Taufer a Cermes
  2. Bagni di Rumestluns a La Valle
  3. Bagno Lad a S. Pancrazio
  4. Bagni di Pedraces a Badia
  5. Sopracqua a Ultimo
  6. I Bagnetti a Ultimo
  7. Bagni di Stava a Naturno
  8. Sorgente Valluzza a Funes (in progettazione)
  9. Bagni di Salto a Martello
  10. Bagni di Razzes a Castelrotto
  11. Bagni di Cortina a Marebbe

Contatto: Ufficio Gestione risorse idriche