Gestione tradizionale delle acque meteoriche

Di solito in natura solamente una piccola parte dell'acqua meteorica defluisce superficialmente. La maggior parte dell'acqua evapora o viene assorbita dallo strato superficiale del suolo dove poi s'infiltra contribuendo all'alimentazione della falda acquifera. Questo insieme di fenomeni costituisce il ciclo dell'acqua in condizioni naturali. Si calcola che nel caso di superfici non pavimentate, con copertura vegetale, il deflusso superficiale è, di regola, compreso fra lo 0% ed il 20% del totale della precipitazione.

Nel caso invece di superfici impermeabilizzate, come ad es. tetti, pavimentazioni in asfalto o calcestruzzo, defluisce superficialmente oltre il 90% della pioggia. Rimane dunque un'aliquota minima d'evaporazione e d'alimentazione della falda. Si parla pertanto di un ciclo dell'acqua nelle aree impermeabilizzate.

Lo schema seguente mette a confronto il ciclo dell'acqua nel caso di superfici non impermeabilizzate con quello di superfici impermeabilizzate.

Superficie non impermeabilizzata
Superficie non impermeabilizzata
Superficie impermeabilizzata (Foto: Agenzia provinciale per l'ambiente)
Superficie impermeabilizzata (Foto: Agenzia provinciale per l'ambiente)
Esempio di superficie non impermeabilizzata (Foto: Agenzia provinciale per l'ambiente)
Esempio di superficie non impermeabilizzata (Foto: Agenzia provinciale per l'ambiente)
Esempio di superficie impermeabilizzata (Foto: Agenzia provinciale per l'ambiente)
Esempio di superficie impermeabilizzata (Foto: Agenzia provinciale per l'ambiente)

L'approccio tradizionale al drenaggio urbano persegue a raccolta di tutti i deflussi meteorici dalle superfici completamente impermeabilizzate, indipendentemente dal loro inquinamento. Le acque meteoriche vengono immesse, secondo le condizioni locali, in un'apposita fognatura separata per acque meteoriche oppure, assieme alle acque nere, nella cosiddetta fognatura mista.

L'impermeabilizzazione crescente del territorio dovuta all'urbanizzazione comporta i seguenti effetti negativi:

  • Il regime dei corsi d'acqua viene alterato.
  • I corsi d'acqua vengono inquinati.
  • Le fognature sono sovraccaricate quando piove intensamente
  • L'alimentazione della falda acquifera viene ridotta.
  • Il microclima peggiora
  • Lo smaltimento delle acque meteoriche è molto costoso.

 

Hochwasser beim Großen Kalterer Graben bei Kurtatsch (Photo: p.a. Eduard Franzelin)
Fossa Grande di Caldaro in piena presso Cortaccia (Foto: p.a. Eduard Franzelin)
Überschwemmung (Photo: Abteilung Wasserschutzbauten)
Inondazione (Foto: Ripartizione opere idrauliche)
Trockenes Bachbett (Photo: Landesagentur für Umwelt)
Un torrente in secca (Foto: Agenzia provinciale per l'ambiente)

 

Riferimenti normativi: consulta la pagina sulla legislazione

Contatto: Ufficio Tutela acque