Canoni per la derivazione di acque pubbliche

Canoni per la derivazione di acque pubbliche
Corso d'acqua (Foto: Agenzia provinciale per l'ambiente e la tutela del clima, Ufficio Gestione sostenibile delle risorse idriche,2013)

Il crescente fabbisogno di acqua e i cambiamenti climatici impongono una maggiore sostenibilità e parsimonia nell’impiego della risorsa naturale “acqua”.

Per potere coprire i costi ambientali e della risorsa legati agli utilizzi idrici e quindi ripristinare uno stato ecologico almeno buono dei corpi idrici nonché per promuovere un impiego idrico sostenibile e rispettoso dell’ambiente, in particolare mediante l’ottimizzazione degli impianti di utilizzazione delle acque pubbliche con Legge provinciale 10/2019 e Delibere della Giunta provinciali n. 848 e 857 del 2020 sono stati introdotti nuovi canoni determinati in base al principio “chi inquina paga”. Essi tengono conto, in adempimento dell’articolo 9 della Direttiva Quadro Acque Europea, delle condizioni e degli effetti sociali, ecologici, geografici, climatici ed economici, favorendo al tempo stesso l’uso efficiente e sostenibile della risorsa “acqua”. Base di riferimento è il Piano generale per l’utilizzazione delle acque pubbliche della Provincia autonoma di Bolzano (PGUAP).

I nuovi canoni sono dovuti a partire dal 2020.

Il canone annuale è fissato in base al volume annuo medio concesso, calcolato come prodotto della portata d'acqua media concessa e del periodo di derivazione autorizzato.
Per ciascun utilizzo sono fissati un prezzo unitario (€/m³ o, per gli impianti a forza motrice €/kW) e un canone minimo.

Canone una tantum per la realizzazione di un nuovo punto di prelievo

Il canone una tantum è dovuto per la realizzazione di un nuovo punto di prelievo ed è calcolato in base alla massima portata derivabile.

Nuovo punto di presa, portata max < 10 l/s 250,00 €
Nuovo punto di presa, portata max ≥ 10 l/s - < 30 l/s 500,00 €
Nuovo punto di presa, portata max ≥ 30 l/s 1000,00 €

Riduzione del canone per utilizzo sostenibile

Per incentivare un utilizzo sostenibile sono previste riduzioni sul prezzo unitario in ambito agricolo a partire dal 2023. Purché possa essere applicata la riduzione, la comunicazione dei requisiti deve essere comunicata entro il 30 settembre dell’anno precedente, in via esclusivamente telematica mediante autocertificazione dei concessionari. Non è richiesta la conferma dei dati l’anno successivo ma il concessionario è tenuto a comunicare tempestivamente eventuali variazioni nelle predette condizioni.

Il prezzo unitario a partire dal 2023 è di 0,007 €/m³. Nei seguenti casi viene ridotto:
•    superfici a prato o foraggere avvicendate: il prezzo unitario viene ridotto al 10 per cento;
•    irrigazione di superfici a prato o foraggere avvicendate mediante sistema a scorrimento tradizionale secondo quanto disposto dal Piano Generale per l’Utilizzazione delle Acque Pubbliche: il prezzo unitario viene ridotto al 2,5 per cento;

Sul prezzo unitario, anche ridotto, vengono applicate, in punti percentuali cumulabili, le seguenti riduzioni:

a) riduzione del 30 per cento in caso di utilizzo di impianti consortili o gestiti in comune sotto altra forma giuridica;

b) riduzione del 35 per cento in caso di utilizzo di tecniche di risparmio idrico su almeno il 70 per cento delle superfici irrigate o nel caso di utilizzo di sensori per la misura dell’umidità del terreno;

c) riduzione del 10 per cento in caso di disponibilità di un volume d’invaso utile da 20 a 200 m³/ha e del 20 per cento con un volume superiore a 200 m³/ha;

d) limitatamente a impianti approvvigionati mediante concessioni rilasciate, anche solidalmente, ad aziende individuali, si applica inoltre:

1) riduzione del 20 per cento in caso di impiego di tecniche di coltivazione biologica certificate;

2) riduzione del 30 per cento in caso di aziende cui sono assegnati 75 o più punti di svantaggio che coltivano prevalentemente superfici a prato o foraggere avvicendate;

Per approfondimenti si rimanda all’articolo 5 del DPP 857/2020 e alla modulistica riguardante la richiesta riduzioni.

Canone basato sul volume annuo effettivamente derivato:

Per gli impianti irrigui soggetti all’obbligo di misura secondo la DGP 1401/2018, il canone si basa sul volume annuo effettivamente derivato. Non viene applicata la riduzione di cui alla soprastante lettera b).

Per approfondimenti si rimanda al documento "Canone idrico per impianti soggetti all'obbligo di misura" e alla relativa modulistica


Modulo domanda di riduzione canone AGRICOLTURA

(utilizzi regolamentati dall’articolo 13 della LP 7/2005 e dalla DGP 1343/2017)

Il canone annuale è fissato in base a componenti tariffarie dipendenti dalla portata media concessa, dal volume di acqua effettivamente derivato, dal numero dei punti di presa e dall’entità della portata derivabile e, per le acque minerali, dal volume d'acqua imbottigliato.


Canoni idrici annuali (ai sensi della Deliberazione della Giunta provinciale del 3 novembre 2020, n. 857)

Settore

Tipo di utilizzo


Domestico

Consumo umano

Abbeveraggio animali

Approvvigionamento impianti a isola

Prezzo unitario: 0,005 €/m³

canone annuo minimo: 50,00 €

Agricolo

Irrigazione a pioggia

Irrigazione a scorrimento

Per gli anni 2020-2022 (periodo transitorio)

Prezzo unitario: 0,00112 €/m³

Dal 2023 il prezzo unitario è di 0,007 €/m³
Sono applicabili riduzioni cumulabili, da richiedere con il modulo scaricabile qui.

Canone annuo minimo: 50,00 €

Irrigazione solo antibrina

È dovuto unicamente il canone minimo, pari a 50,00 €

Piscicoltura e pesca sportiva

Prezzo unitario: 0,0007 €/m³

Canone annuo minimo: 50,00 €

Produttivo

 

Industriale, artigianale

scambio termico

Prezzo unitario: 0,01 €/m³

Canone annuo minimo: 500,00 €

Il prezzo unitario è dimezzato nel caso di restituzione nella stessa falda con le medesime caratteristiche, ad eccezione di delta termico massimo pari a 5 Kelvin

Industriale per cooperative agricole

Prezzo unitario: 0,002 €/m³

Canone annuo minimo: 500,00 €

Innevamento programmato

Prezzi unitari:

- 0,01 €/m³ per le derivazioni nel periodo 01.05-31.10

- 0,04 €/m³ per le derivazioni nel periodo 01.11-30.04

Canone annuo minimo: 500,00 €

Protezione civile

Antincendio

Prezzo unitario: 0,005 €/m³

Canone annuo minimo: 50,00 €

Altri utilizzi

Vario
(percorsi Kneipp, mantenimento canali, laghetti ricreativi, mulini didattici, etc.)

Prezzo unitario: 0,001 €/m³

Canone annuo minimo: 70,00 €

Forza motrice

Produzione forza motrice

Prezzo unitario: 12 €/kW

Canone annuo minimo: 70,00 €

Acque termali, minerali, particolari

Acqua minerale

vedi:

Delibera della Giunta Provinciale 05.12.2017, n.1343

e Decreto del Direttore dell’Agenzia per l’Ambiente e la tutela del clima del 20.01.2022, n. 770

Acqua termale

Bagni rustici

Il canone idrico è dovuto per l’anno in corso in conformità all’avviso di pagamento emesso dall'Ufficio.
Qualora il canone idrico non venisse pagato per 3 anni consecutivi, l’Ufficio può disporre la decadenza della concessione di derivazione.

I ricavi introitati dai canoni idrici vengono attribuiti ad interventi di monitoraggio e ripristino ambientale dei corpi idrici e dei corrispondenti bacini idrografici e alla realizzazione di interventi per un uso dell’acqua parsimonioso, sostenibile e rispettoso dell’ambiente in ambito irriguo secondo quanto disposto alla Delibera 3 novembre 2020, n. 848 “Linee guida per la copertura dei costi ambientali e della risorsa legati agli utilizzi idrici”.

 

Riferimenti normativi:

Legge Provinciale 17 ottobre 2019, n.10 - Disposizioni per l'adempimento degli obblighi della Provincia autonoma di Bolzano derivanti dall'appartenenza dell'Italia all'Unione europea - Disposizioni in materia di canoni idrici per l'utilizzo di acque pubbliche in recepimento alla direttiva 2000/60/CE (art. 7-17)

Deliberazione della Giunta provinciale del 3 novembre 2020, n. 857 - Criteri per la determinazione dei canoni idrici per l’utilizzo di acque pubbliche.

Deliberazione della Giunta provinciale del 3 novembre 2020, n. 848 Linee guida per la copertura dei costi ambientali e della risorsa legati agli utilizzi idrici

Decreto del Direttore di Ripartizione n.770 del 20.01.2022 -Aggiornamento dei canoni e tariffe idriche per l'utilizzazione di acqua minerale per il biennio 2022 - 2023

Delibera della Giunta Provinciale del 05.12.2017, n.1343 - Tariffe idriche per l'utilizzazione dell'acqua minerale

Per ulteriori informazioni: consulta la pagina sulla legislazione

Contatto: Ufficio Gestione sostenibile delle risorse idriche