Cupressacee

Le cupressacee si trovano un po' in tutti gli ambienti. Alcune specie sono spontanee, altre invece sono coltivate come piante ornamentali. Comprendono arbusti ed alberi con chioma molto ramificata e foglie aghiformi o squamiformi. Mentre il ginepro forma frutti carnosi simili a bacche, gli altri generi producono frutti legnosi (strobili).
I generi più comuni sono il cipresso (Cupressus), il ginepro (Juniperus) e la tuia (Thuja). In parchi, cimiteri e giardini privati sono piantati anche il libocedro (Calocedrus decurrens), il falso cipresso americano (Chamaecyparis lawsoniana), la sequoia (Sequoia, Sequoiadendron), la metasequoia (Metasequoia) e il cipresso giapponese (Cryptomeria japonica).

I pollini delle cupressacee si rilevano nell'aria per un periodo piuttosto lungo. I primi pollini compaiono in gennaio, mentre la stagione pollinica principale comprende i mesi seguenti. I pollini dei vari generi sono difficilmente distinguibili tra di loro. In generale i granuli pollinici sono di forma tondeggiante ed il citoplasma è a forma di stella. Anche il tasso (Taxus baccata), appartenente alla famiglia delle taxacee e con periodo di fioritura in marzo-aprile, possiede pollini molto simili.
Il potere allergenico delle cupressacee è considerato in genere modesto, ma in alcuni casi può risultare anche elevato. Sono soprattutto i pollini del cipresso a causare sintomi di allergia.


Calendario dei pollini - 2022

Bolzano

Visualizza:

Brunico

Visualizza:

Silandro

Visualizza:


Contatto: Laboratorio biologico